Homepage ArinGroup

INDICE DEI TESTI

  1. BELLA ME
  2. I NOSTRI ANNI
  3. IL CASTELLO
  4. IL FISCHIO DEL TRENO
  5. IO VULESSE TRUVA' PACE
  6. LA GELATA
  7. LA REGINA
  8. LE STRADE CHE PORTANO A TE
  9. LIBERTA'
  10. L’ALBERO DELLA CUCCAGNA
  11. NICOLA E MADDALENA
  12. PENSIERI BLU
  13. PICCOLE STORIE
  14. SCARPETTE   D’ARGENTO
  15. SE PO’ VO’ REVOLA’
  16. SEMPLICEMENTE D
  17. SOGNO
  18. VIAGGI
  19. AMMONTE ALLU MONTE
  20. L' OTTAVARU
  21. HYDRA
  22. MATILDE
  23. VOLA BALLERINA
  24. STORIE DI VITA
  25. LA CASETTA DEI PRIGIONIERI
  26. LE TUE PAROLE
  27. FIJU ME
  28. POCUSALE

Torna all'homepage

 

BELLA ME  
(Piccole Storie)
di FabioD'Amico


Centu porte tutte aperte
Centu cori te fau la corte
Mille fili 'e tela de ragnu
Che po’ se campa porta guadagnu

Coro: Bella me, bella me, nun reve’ lu tempu (2)

Quanti sorrisi a sguardu bassu
Ma unu solu c’ha fattu lu passu
Co l'occhi che brillu mela rosa
Sogna allu lettu d'esse sposa

Coro: Bella me, bella me, nun reve’ lu tempu (2)

Quannu te rizzi dorme lu sole
Ma so’ già aperte pe’ ti le viole
E cacci allu sonu della campana
Un mare biancu, biancu de lana

Coro: Bella me, bella me, nun reve’ lu tempu (2)

Mo da esso 'ncima do lu munnu è calatu
Recordeme e dimme dellu creatu
Mo che 'sso avanti te tutta la piana
Recordeme e dimme della poiana

Coro: Bella me, bella me, nun reve’ lu tempu (2)

Tra lli regali e le cose belle
Un seme de luce t'au fattu le stelle
Tellu bagnatu co’ l'acqua che sorge
Che se se secca lo male s'accorge

Coro: Bella me, bella me, nun reve’ lu tempu (2)

E quattru fiori da ti nascerrau
come la neve bianchi sarrau
Telli bagnati co’ l'acqua ‘e sorgente
Quella che ‘rucia lu dente ‘e serpente

Coro: Bella me, bella me, nun reve’ lu tempu (2)
 

Torna all'indice

 

I NOSTRI ANNI
(Piccole Storie)
di Mario Di Giammarco


Soffia un vento di tramontana
Soffia forte vicino a te
In questa notte di luna piena
I pensieri li porta via
Soffia tra le tue pareti
Dove il cuore non batte più
Soffia tra le tue parole
Quelle che non hai detto tu

Eri vicino alla fontana
Mentre il mondo passò di là
Mi chiedesti avrò fortuna
Vedrai il vento t’aiuterà
Erano anni un  po’ speciali
Erano slogan nelle città
Erano sciarpe di mille colori
E specchietti sui tuoi foulard

Soffia un vento di nostalgia
Soffia piano vicino a te
Ti ricordi c’era poesia
Per le strade intorno a noi
Ora bambina dimmi
Quanti ponti hai passato già
Quante lacrime e quanti sorrisi
Quanti persi nell’oscurità

E nascevano sogni nuovi
Agli angoli dei caffè
E gli inverni erano lenti
Nel calore dei nostri se
Ricordi bandiere nel vento
Quanta gente intorno a noi
Ora ti si spezza il cuore
Ma questo vento ti aiuterà
 

Torna all'indice

 

IL CASTELLO
(Piccole Storie)
di FabioD'Amico


Sopra ad un castello che in verità non c'è
Viveva una bambina dentro una donna osé
Nel mondo un po' incantato dalla nebbia blu
Cercavi negli amori quello che eri tu

Rit.: Ai tuoi giochi puerili dico adesso addio
    Ti avrei dato il mio cuore ma tu volevi l'io

Prepari le tue esche con dei pezzi di cuore
Sperando che qualcuno ti dia tutto il suo amore
Sulla torre più alta cerchi quello che
Non te ne sei mai accorta si sta spegnendo in te

Rit.: Ai tuoi giochi puerili dico adesso addio...

Si è sciolta ormai la neve sta diventando sera
Però per te non viene l'attesa primavera
Si spengono i colori tra mille veli neri
E il tuo profondo lutto di rimaner com'eri

Rit.: Ai tuoi giochi puerili dico adesso addio...

Guarda la tua luce tra le tue spezie rare
È lì che vive il cielo è lì il fondo del mare
Libera le tue mani dall'ipocrisia
Scendi da quel castello e primavera sia
 

Torna all'indice

 

IL FISCHIO DEL TRENO
(Venti di Terra)
di Mario Di Giammarco


Qui  la notte è più lunga ed il tempo non corre mai
il mattino è argentato, il cielo è dentro di noi.
E mia madre alla porta che chiama il mio nome mentre il giorno se ne và.
Questo è un treno che parte, è un treno che io ho preso già.

Qui le nubi s'affollano e la mente comincia a volare
tra le foglie e la pioggia, e le mille curve del cuore
E mia madre alla porta che guarda lontano mentre il fiume corre e và.
Questo è un treno che parte, è un treno che io ho preso già.

Qui le stagioni ti prendono e i colori ti portano via.
E il silenzio t’avvolge, senza fare rumore.
E mia madre alla porta mi tende le braccia mentre il vento soffia già.
Questo è un treno che parte, è un treno che io ho preso già.

Ora il camino s’è spento e il tempo è scaduto ormai.
E la neve ha di bianco i capelli sfumato
e ora sono alla porta a guardar nei ricordi mentre ieri c’eri tu.
Questo è il fischio del treno, un treno che ormai non c’è più (2)
 

Torna all'indice

 

IO VULESSE TRUVA' PACE
(Venti di Terra)
di Fabio D'Amico (testo di Eduardo De Filippo) 


Rit.: Io vulesse truvà pace;
ma 'na pace senza morte.
Una, mmiez'a tante porte,
s'arapesse pe' campà!
S'arapesse 'na matina,
'na matin' 'e primmavera,
e arrivasse fin' 'a sera
senza dì «nzerràte llà!»

Senza sentere cchiù 'a ggente
Ca te dice: «io faccio...,io dico»,
senza sentere l'amico
ca te vene a cunziglià.

Senza senter' 'a famiglia
Ca te dice «Ma ch' 'e fatto?»
Senza scennere cchiù a patto
C' 'a cuscienza e 'a dignità.

Rit.: Io vulesse truvà pace...

Senza leggere 'o giurnale...
'a nutizia impressionante,
ch'è nu guaio pè  tutte quante
e nun tiene che ce fà.

Senza sentere 'o duttore
Ca ta spiega a malatia...
'a ricett' in farmacia...
l'onorario ch' 'e 'a pavà.

Rit.: Io vulesse truvà pace...

Senza sentere stu core
Ca te parla 'e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina...
Chesta sì... Chell'ata no

Pecchè, insomma, si vuò pace
E nun sentere cchiù niente,
'e 'a sperà ca sulamente
ven' 'a morte a te piglià ?

Rit.: Io vulesse truvà pace...
 

Torna all'indice

 

LA GELATA
(Venti di Terra)
di Roberto Partenza e Roberto D'Amico 


Io mi alzo al mattino e non fuma un camino
la città mi ha tentato ma son stato ostinato
la gente che è scappata  l'ha fregata la gelata

Corro verso la Rocca senza maschera alla bocca
arrivato alla calata non c'è auto parcheggiata
e la gente che è partita la gelata l'ha sentita

Passo alle Jammarine non c'è saldo da vetrine
mentre guardo anche Basciani penso alle file dei romani
e la gente che è emigrata non ha capito la gelata

Il confine è ormai raggiunto senza chiedere lo sconto
e al ritorno verso casa il polmone non s'intasa
per la gente che è fuggita la gelata non è vita

Guardo un falco pellegrino non c'è semaforo vicino
c'è anche un gruppo di cinghiali niente strisce pedonali
per la gente ormai lontana la gelata non è sana

Col respiro un po' affannato penso: 'sono fortunato'
d'esser nato in questo posto che la brina rende tosto
dalla villa dell'Olgiata non s'apprezza la gelata
 

Torna all'indice

 

LA REGINA
(Venti di Terra)
di RobertoD'Amico


Uah poretta me poretta me comma'
quante cose t'aio 'a racconta'
quante cose t'aio 'a racconta'

Me metto ecco ascisa co lu foco vecino
uah commà che bellu camino
uah commà che bellu camino

Coro: Magna magna commà ch'i'aio già magnato(2)

Sto sempre a fatica' la sera e la matina
e 'ntanto che refiato faccio 'na fascina
e 'ntanto che refiato faccio 'na fascina

Revengo dallu porcu che se sta beato
'ste du' parole non sarao peccato
'ste du' parole non sarao peccato

Coro: Magna magna commà ch'i'aio già magnato(2)

Me gelo co lo friddo e avvampo alla calura
'sta zampa è gonfia e non ce sta la cura
'sta zampa è gonfia e non ce sta la cura

Me fao male li denti e canto se Dio vole
ma commà la schina come dole
ma commà la schina come dole

Coro: Magna magna commà ch'i'aio già magnato(2)

So' disgraziata so' e non aio mica fenito
mo ve' lo peggio mo ve' lu marito
mo ve' lo peggio mo ve' lu marito

E insurda e poi commanna uah che padreterno
me fa patì le pene dell'inferno
pozza patì le pene dell'inferno

Coro: Magna magna commà ch'i'aio già magnato(4)

Ma c'è lo fijo mio ch'è bello e istruito
è intelligente e sempre ben vestito
è forte e bello onesto e riverito

E quanno pe' la strada assieme a me cammina
accantonateve passa la regina (ad lib)
 

Torna all'indice

 

LE STRADE CHE PORTANO A TE
(Piccole Storie)
di Marco Scarpellini


Scivola piano una carezza
Passa nel cuore e viaggia dentro te
In una stanza buia e antica
Solo l'amore tra te e me
Ti porta dentro ogni stanza
Sfugge alla mani e corre via da qui
Dietro una stanza buia e antica
Porge lo sguardo cercandoti

Rit.: Più lontano dentro me
Più lontano dentro te
Gira con me
Viaggia soltanto, soltanto se
Oh vola da sé
Apre le ali e vola lontano
Sola e soltanto per me...

Vive sai dentro ogni pensiero
Respira gli sguardi intorno ai tuoi
Può sembrare strano a chi è vicino
Ma dolce è il risveglio accanto a te
Mi porta con lei come un profumo
Nella valigia dell'anima
Dietro una stanza buia e antica
Sorride con gli occhi chiamandomi

Rit.: Più lontano dentro me...
 

Torna all'indice

 

LIBERTA'
(Venti di Terra)
di Provvidenza Rizzo


Il suono delle onde che incontrano la riva
La statua della Madonnina
Che benedice coloro che vanno via e che vengono
In questo mare blu dalle sfumature bianche
Un gabbiano che vola
Lasciandosi trasportare dal vento  
Tutto questo è tranquillo,              tutto questo è...

Rit.     E' libertà,       è libertà,       è libertà...     libertà.

Una bottiglia trasportata dalle onde
Con dentro un messaggio
Che chissà dove andrà e a chi arriverà
I pesci che si muovono in un mondo
Silenzioso e misterioso pieno di tesori a noi sconosciuti
Tutto questo è magia,                  tutto questo è...

Rit.     E' libertà,       è libertà,       è libertà...     libertà.

Lontano dalla gente che corre nelle città
Presa dalla frenetica vita quotidiana
Vorrei essere quel gabbiano che in pace vola e gode
Del profumo del mare, del calore del sole,
La freschezza del vento, della pace del suo essere     che è libero

Rit.     E' libertà,       è libertà,       è libertà...     libertà.
 

Torna all'indice

 

L’ALBERO DELLA CUCCAGNA
(Venti di Terra)
di FabioD'Amico


Me ne voglio i'  'mmezzo allu male
Reveni' quassu' quann'e' Natale
Nun ce voglio i' a rocca' la vigna
Voglio sali' all'albero 'ella cuccagna

Nun ce voglio i' piu' colle vacchi
Voglio i' vestita co li fiocchi
Tuttu ssu' bellu dimmelu 'ddo sta'?
Passa lu tempu e nun me fa campa'.

Coro.: Oh papa' nun me 'cce manna'
Sola su allu monte vaju a tribola'
Oh papa' nun me 'cce manna'
Sola su allu monte me vajo accora
'

Me voglio fa lu bagnu allu profume
Che se ne isse sta puzza de fume
Voglio butta' la vanga io allu fussu
e l'odore della stalla che me portu addossu

E mejo anna' a lava' dell'atri i piatti
Che sta avanti allu focu co' li iatti
E voglio cammina' in mezzo alla gente
Addo' lu passu me mancu se sente.

Coro.: Oh papa' nun me 'cce manna'...

E voglio mille luci tutt'atturnu
E me ce voglio perde fino a jurnu
Nun voglio salutà più tutti quanti
Quannu revengu pe' porta' li santi

Oh papa' me piagne lu core
Ma co' la coccia le sto a conta' l’ore
'Ssu core che batte forte e spera
E che 'mme se repija la corriera

Coro.: Oh papa' nun me 'cce manna'...

Vanne figlia bella, vanne se v'oi i'
'Ssu paese ha da fini' cosi'
Vanne figlia bella, vanne e vola
Repensa alla montagna se te senti sola
 

Torna all'indice

 

NICOLA E MADDALENA
(Venti di Terra)
di FabioD'Amico e Giulio D'Amico


Me ne jeo su pe' Fonte Campuni
co 'na stozza e mparu de scarpuni,
me ne jeo pianu pianu 'nfaccia a sole
e repenzeo a quelle tue parole.
Fosse vero quellu che mm'ha 'ittu
Ce scapperebbe qua'e ccosa 'e dirittu
Ma quillu spetta all'ufficiale postale
Che 'n mpar 'e timbri mette solu a Natale

Coro:  Oh Maddalè, se pure Cristu s'è scordatu de te
Oh Maddalè, se pure Cristu s'è scordatu de te
Non te le da sta preoccupazione
Che ‘nfonnu ‘nfonnu  mancu baffone
ce la risolve 'ssa situazione
e pe' campa', e pe' campa', e pe' campa'
tiremmu lu traione

Me ne jeo alle Pozze e 'lle Rota
'ncollu na farcia e 'ntasca 'n pezzu de cota
e attaccatu a coppia co 'llu runcu
'n fiascu de vinu che facea da tornacuntu
Ma lu sole te la secca la gola
e 'nu fiascu solu se 'nne vola
e prima che lu birbu 'se ina
lu Sole alla Luna s'enchina

Coro: Oh Nico', quantu tempu te cce vò
Oh Nico', quantu tempu te cce vò
Pe' capì che te ssau scordatu
Pe' capì quant'è zozzo 'ssu Statu
Che se uno te dà dieci 'iai 'atu
e pe' campa', e pe' campa', e pe' campa'
campa quill'atru

E' arrivatu quillu giorno fatale
Zurli zurli come fosse Natale
e appoggiato sotto a quella finestra
tu l’aspetti Maddalena rempoppata a festa
L'asena è pronta co 'lli campanelli
lu carrettinu l'hau addobbato li fratélli
Marco e Orazio alli carratelli
e Gigi Frasca alli sportelli

Coro:  Oh Maddalè, se pure Cristu s'è scordatu de te...

Ma appoggiato a quillu muru grassu
ha retroata 'na scritta su 'n sassu
che te reporta alli tempi belli
della felicità co' m' paru 'e giocarelli
ntornu a ti tutta la confusione
ma tu l'ha presa già la decisione
nun se so accorti che tte si squajatu
e corri libberu pe' llu Cecatu

Coro: Oh Nico', quantu tempu te cce vò...
 

Torna all'indice

 

PENSIERI BLU
(Piccole Storie)
di Provvidenza Rizzo


Una nottata intera a parlare di storie,
Di quelle che non iniziano
e di quelle che non finiscono mai,
Come la tua pazienza con me
Che mi ascolti anche con il cuore

Un giorno lunghissimo,  siamo insieme dopo ore,
Whisky, musica e una sigaretta rubata
E mi accorgo che il tempo non è più pesante
Ma nuvola lieve nel mio cielo di maggio

Blu pensieri blu che mi assalgono,
Note stonate affollano la mia testa
Però il tuo ricordo arriva improvviso
E nelle nostre risate si scioglie tutto il male

Una vita piccola la mia, non come la tua
Nello spazio senza confini
ho paura di perdermi.
Allora il mio ricordo va a te, sei il mio faro nel buio,
Tutto torna ad avere senso mentre sorridi

Blu pensieri blu che arrivano
quando mi chiudo al mondo per non sapere
solo la dolcezza delle tue parole
toglie l'amaro della solitudine, e ridiamo

Blu pensieri blu che sconvolgono
il mio equilibrio basato sulla sabbia
quando le tue mani mi afferrano
e cadiamo ridendo insieme su petali rossi
 

Torna all'indice

 

PICCOLE STORIE
(Piccole Storie)
di FabioD'Amico


Allu tempu ‘e pora nonna
quanta gente bella che
Co' llu mmastu o co' la conca se portea la croce sé (2)

Pure l'aria era più gialla
della luce che nun te’
E bastea ‘na ciaramella pe' scordasse li perché (2)

Coro.:  Piccole storie che volenu via
    Lascenu un votu ‘e malinconia
    Sogni allu ventu de gente ch'è stata
    Calenu pianu e cerchenu l'atra

Se po' va ‘iù pe' le vigne
tutto abbandonatu a sé
E lu core me sse strigne sentu ‘n friddu che nun c'è (2)

E la macchia se repija
tutta quella terra che
T'avea data come fìja perché fede nun ne te’ (2)

Coro.:  Piccole storie che volenu via...

Fume niru dalla piana
sale a forma d'ombre cupe
E se arriverà alla tana caccerà pure lu lupe (2)

Quante strade aijo alla mente
e nun saccio più la te
E’ cagnata quella gente o so’ cagnati l’occhi me (2)

Coro.:  Piccole storie che volenu via...
 

Torna all'indice

 

SCARPETTE D’ARGENTO
(Venti di Terra)
di FabioD'Amico 


Il buio della notte è la magia,
ma prima luce se la porta via
Due occhi grandi stanno già aspettando
un raggio di sole portato dal vento.

Corre leggero come una bugia,
respira il giorno e se ne vola via
E con ai piedi scarpette d’argento
frusta il sentiero ch’è gonfio di pianto

Coro. Sta imparando già a volare
senza mai aver visto il mare
Senza neanche lui sapere
dell’immenso che ha nel cuore.

Lama d’acciaio che squarcia il silenzio,
seme del pane con il sogno dentro
fiore del monte profumo di fieno
e tramontana nel cielo sereno

E dallo sguardo puoi leggerlo dentro
diventa il sole se tu sei contento
non sa del suo momento ch’è divino
traguardo d’ogni uomo ch’è in cammino

Coro.: Sta imparando...

Va dritto al segno senza alcun rimpianto
stella che nasce in questo cielo spento
forza del bene senza sentimento
miracolo che gioca intorno al mondo

E se hai il coraggio di dargli la mano
ti porterà dove germoglia il grano
ma se lo guidi e non ne sei contenta
avrai per mano una lucciola spenta

Coro.: Sta imparando...
 

Torna all'indice

 

SE PO’ VO’ REVOLA’
(Piccole Storie)
di FabioD'Amico


Revettene compa’  come si combinatu
nun tè pò conzolà  lo vinu c'ha beutu
Nun ze pozzu vede’ sse lacrime che te’

T'ha fattu ‘n bellu tortu ma po' tuttu se piana
Mo s’i focu rammortu, retornerrai poiana
Comincete a rizzà se po' vo’ revolà

Sicuru allu paese  avrau già resparlatu
da ecco a capo 'n mese sarrai ‘mbriacone natu
Ma è gente ch'è già morta e campa sulla porta

Revettene compa’  ‘mbè sù nun ce penzà
Ssu sigheru che pippa  l'occhi ce sta a caccià
Ma quant'amore te’ su bellu core te

Compa’ damme la mano  guarda che fìrmamentu
Reiemo piano piano mo sci che so’ contentu
I te conzolo a te nu nnodu mo me ve’.
 

Torna all'indice

 

SEMPLICEMENTE D
(Piccole Storie)
di Mario Di Giammarco


Mia moglie è una donna molto bella, sai ! e forse la sposerò.
Nella notte tra i suoi pensieri sarò, senza svegliarla mai.
E la luna alta nel cielo , forse la bacerà.
Corri amore fino a morire, non ti fermare dai.

Arianna è una donna affascinante , sai ! e forse la sognerò.
Qualcuno le ha ferito il cuore ieri, ma un segreto le darò.
E un cielo incantato di un nuovo mattino complice lui sarà.
Corri Arianna fino a morire, il mondo t'aspetterà.

Rosy è una donna così speciale sai ! e forse la bacerò.
Nei suoi occhi l'arcobaleno vedrai se solo l'amerai.
Il grano è alto nella valle ed il vento non soffierà.
Corri Rosy fino a morire ne hai fatta di strada dai.

Silvia è una donna così stupenda sai ! e forse la rivedrò.
Stringe fiori tra le mani e poi un amuleto ti darà.
Ma uno sguardo verso il tramonto piangere la farà.
Corri Silvia fino a morire corri finché ti va.
 

Torna all'indice

 

SOGNO
(Piccole Storie)
di Provvidenza Rizzo


Anche stanotte eri lì nei sogni miei
Vestito di quel che sei... credo
Eri fra tanti ma io ti ho visto già
Parlavi e guardavi me

Poi sei venuto ed era come conoscerti
Da una vita e come se
Le nostre anime si lasciarono anni fa
E ora si riunissero

RIT.: I tuoi occhi dentro ai miei
Le tue mani tra le mie
I nostri corpi un unico cuore
E intorno solo amore

Ma la notte poco dura ed ecco che
L'ingiusto sol scaccia la romantica luna
Che ti porta via con sé e spero che
Anche stanotte sarai nei sogni miei

RIT.: I tuoi occhi dentro ai miei...
 

Torna all'indice

 

VIAGGI
(Piccole Storie)
di MarioDi Giammarco


Guarda quante nuvole in cielo, amore mio
Guarda quel battello che se ne va
Senti nella notte il tuo respiro
Mentre aspetti la luce che verrà, per te

Guarda laggiù il confine, amore mio
Là dove non sono stato mai
Portami tra le sue rovine
Tra i sentieri che si fermano lì, per te

RIT.: E va, e va per le strade di ogni città
    Tra le nubi ed il chiarore
    O tra i suoni della realtà
    E va, e va, tra i fiori nelle città
    Tra i raggi di questo sole
    Che domani ti scalderà

Guarda che luce nel mattino, amore mio
mentre Roma si sveglia, piano piano
Guarda un aereo lontano
dalle vetrine di un caffè per te

Guarda è primavera, amore mio
Guarda i balconi in festa intorno a te
Guarda questo cielo pulito
Mentre lontano una nave salperà, per te

RIT.: E va, e va per le strade di ogni città...

Guarda che tramonto stasera, amore mio
Mentre il sole verso casa se ne va
Corre su questa autostrada
Tra le ginestre in fiore per te, a te

RIT.: E va, e va per le strade di ogni città...
 

Torna all'indice

 

AMMONTE ALLU MONTE
(L'Ottavaru)
di Bruno Cattivelli e Fabio D'Amico


Sali ammonte allu monte,
collu core che batte,
Lu sudore 'lla fronte
te fà escì dalla notte.
Quanti amici allu monte
senza conca né sicchiu,
pe' sciacquasse alla fonte
che rinnova lu vecchiu

E quell'acqua che sorge
brilla come l'argentu.
Chi se bagna risorge
colla forz 'ellu ventu.
Se so' aperte le fronni
se so' fatte sentieru,
so' più chiari li panni
dellu farsu e lu veru.

E co' tanti timori...
lu passatu è crollatu,
l'hau attaccatu li fiori
l'ha gnottitu lu pratu.
Recambiate le piume
è 'nu giocu volare,
e quell'acqua mo' è fiume
e va versu lu mare.
 

Torna all'indice

 

L'OTTAVARU
(L'Ottavaru)
di Fabio D'Amico


E a combina', lu prezzu cala e sale
Alla fiera 'ell'Ottavaru 'e Montriale
Mercanti a braccia aperte pe' i’ avanti
Passenu allu setacciu reali e fanti

Pecore, agnelle e mule co' le vacchi
Montoni, capre, asene e potracchi
Manieri e conche, sgommarelli e sicchi
Pucchelle e cavallucci e fichi sicchi

Cottore 'e rame guardenu a splendore
Tegami 'e cocciu 'e tutte le misure
Tavole arcate d'ogni ben divino
Ricotte miele e caciu pecorino

Coro: Uhau mamma 'amme ‘na manu
Che alla fiera sta Marianu
E ma' ‘ittu mezze sposa
Ma i’ so' tantu vergognosa

Camice bianche addossu a pelli scure
Cotte dalla fatica e dallu sole
Scarpuni vecchi ritornati novi
Co' 'npezzu ‘e segu e niru de’ cottori

Semplicità ch'è diventata 'n pesu
Coperta dalle stoffe 'e fintu rasu
Ciuffe e forcine 'e 'ntrecci de’ capilli
Pennenu dallu collu li coralli

Te cercu 'n mezzu a quissu formicaro
Sorriso ardente su 'nu sguardu puro
Eppure me l'ha ‘ittu la commare
Mariuccia sta alla fiera 'e Montriale

Coro: Uhau mamma 'amme ‘na manu...

L'aria de festa l'ha rempita casa
Corri Mariuccia corri senza posa
Corri animata da passione vera
Passa allu Sassu Grossu e va' 'lla fiera.

Coro: Uhau mamma 'amme ‘na manu...
 

Torna all'indice

 

HYDRA
(L'Ottavaru)
di Provvidenza Rizzo e Mario Di Giammarco


Siam giunti fin qui mia Signora
dal  sentiero , che porta da te
Altea , la stella è perduta
vedrai Hydra ci guiderà
lontana è la terra di Talin
nuovo mattino ci aspetterà
mille spade , regine di cuori
un lungo cammino sarà

Rit: Magia delle tue parole
Risale gli abissi del mare o signora di terre lontane
Nascer di nuovo così
E affrontare le ombre su mura antiche di questa città

La dea della valle ci appare
d’argento è il suo colore
la nebbia di colpo se ne va
e Talin è più bella che mai
Venite guerrieri lontani
venite creature immortali
questa è la terra di Talin
dove gli anni non hanno più età

Rit: Magia delle tue parole
Risale gli abissi del mare o signora di terre lontane
Nascer di nuovo così
E affrontare le ombre su mura antiche di questa città

La foresta di colpo si muove
la sua voce echeggia laggiù
missionari in terra staniera
al cospetto di Talin l’austera

Rit: Magia delle tue parole
Risale gli abissi del mare o signora di terre lontane
Nascer di nuovo così
E affrontare le ombre su mura antiche di questa città

Siam giunti fin qui mia Signora
dal  sentiero che porta laggiù
c’è una stella  nel cielo , s’è perduta
Solo Hydra ci seguirà ...
 

Torna all'indice

 

MATILDE
(L'Ottavaru)
di Mario Di Giammarco


Matilde dolce Matilde
Ti vedo ancora lì
Seduta lungo la via
Aspettando chissà chi
È già da un po’
Si è già da un po’

Matilde dolce Matilde
Il posto non ce l’hai più
Il film è terminato
Anche la vita che avevi tu
È già da un po’
Si è già da un po’...
Da un po’...

Matilde dolce Matilde
Poi! Il vestito non l’hai mica indossato
E il vento ti passa vicino
Soffia i ricordi dal passato
È già da un po’
Si è già da un po’

Matilde dolce Matilde
L’autunno è già arrivato
Non c’è più nulla nella tua mano
Nessuno mai che t’abbia amato
È già da un po’
Si è già da un po’...
Da un po’...

Matilde dolce Matilde
Sempre pronta a dare amore
E a guardare nel mattino
Che t’hanno fatto agli occhi e al cuore?
È già da un po’
Si è già da un po’

Matilde dolce Matilde
T’hanno trovata un giorno così
La bottiglia sul pavimento
Che fissavi chissà chi
È già da un po’
Si è già da un po’...
Da un po’...
 

Torna all'indice

 

VOLA BALLERINA
(L'Ottavaru)
di Mario di Giammarco


Sette sono i mari che hai dovuto navigare
E altrettante notti, sveglia ad aspettare.
Sette sono i ponti che hai dovuto attraversare
E tante le stagioni al di là del mare.
Sette le fermate, lungo la statale
E tram presi al volo la notte di Natale.

Rit: E ovunque il giorno se ne andrà.
La tua mente se ne andrà.
E tu ragazza come va ?

So che hai visto il posto dove nascono le ombre
E il posto dove muoiono i giorni di settembre.
Sei rimasta lì seduta, la paura dentro il cuore
E lo sguardo verso il vuoto, al passaggio delle ore.
Fu allora che sette maghi vicino a una sorgente
Presero la tua anima, ingannandoti la mente.

Rit: E mentre il giorno se ne andrà.
Qualcuno piano se ne andrà.
E tu ragazza come va
?

Fu dal centro della stanza che hai guardato la città,
ma era nel giardino tanto tempo fa.
E attraverso la tua posta son passate le stagioni,
lontane dalla strada, lontane dai portoni.
Sette sono allora i diamanti da trovare,
sette le pareti da ridisegnare.

Rit:E ovunque il giorno se ne andrà.
Chi di noi ti seguirà.
E tu ragazza come va ?

Ora sette son le note su cui potrai danzare,
sette sono i fiori tra le mani a salutare.
E’ stato un falso allarme, ed è rientrato tutto ormai
Semmai hai avuto dubbi, semmai ne avrai,
e allora sette raggi il sole ti darà
vola ballerina, se non l’hai fatto già.

Rit.: Comunque e ovunque te ne andrai.
Sette emozioni lascerai.
E tu ragazza come stai?

 

Torna all'indice

 

STORIE DI VITA
(L'Ottavaru)
di Mario Di Giammarco


Gli anni t'hanno vista nella polvere dormire
Tra le rovine del tempo bagnata fino a morire
Dove sei stasera che il vento non soffia più
In quale buia strada ti troverò

I tuoi occhi di cristallo tagliano le notti blu
E le grida soffocate spezzano il silenzio in te
I sogni come neve si sono sciolti ormai
tra i tuoi cartoni e stracci e tu lo sai

Rit.: Dimmi perché,
dimmi com'è
Dimmi se vuoi,
dei giorni tuoi
Perché è andata così

Dove sarà la stazione che domani ti vedrà sfinita
Col tuo bagaglio in mano E un biglietto di sola andata
Ehi tu madre dimmi dove pensi io possa andare
Rimani ancora un poco accanto a me

E il domani mi vedrà seduto con lo sguardo verso il cielo
Con in mano il tuo segreto e il mattino da attraversare
La morte a volte è un sogno e porta via con se
Le storie della gente e i suoi perché

Rit.: Dimmi perché,
dimmi com'è
Dimmi se vuoi,
dei giorni tuoi
Perché è andata così

Ora riposa e sogna tra gli alberi e i colori
Tra le pioggie dell’autunno e nel leggero vento d’aprile
Non più stagioni di guerra ti vedranno un dì
Non più binari morti per soffrire

Rit.: Dimmi perché,
dimmi com'è
Dimmi se vuoi,
dei giorni tuoi
Perché è andata così
 

Torna all'indice

 

LA CASETTA DEI PRIGIONIERI
(L'Ottavaru)
 di Fabio D'Amico


Notte scura senza luna
chiusi sottu a nu fossatu
Addo’ mancu la fortuna passa lu filu-spinatu (2)

Soffia 'mpavidu lu ventu
de ginestre profumatu
Co’ na forza strana dentro passau lu picchettu armatu (2)

Coro: Andrew e John unu niru e l’atru no (2)

Allu COLLE ‘E LA CITTA’
s’hau u' refuggiu ‘mprovvisatu
Quant’è bella libertà quannu t’hau già condannatu (2)

La paura dintru all’occhi
pe’ tuttu lu munnu è 'guale
La disgrazia e li peocchi so’ la lingua universale (2)

Coro: Andrew e John unu niru e l’atru no (2)

E la fame è già ricordu
‘n mezzu a tanta brava gente
Ma lo male è sempre accortu e se fa spia pe’ pocu e niente (2)

Ferru e focu allu paese,
ombre lunghe e luci strane
Vau cercannu chi pe’ ‘n mese s’ha divisu ‘n pezzu ‘e pane (2)

Coro: Andrew e John unu niru e l’atru no (2)

Ma la madre de’ ‘n sordatu
co’ tutta la pena se'
Disse allu più ardu ‘n gradu i' so’ come mamma te’(2)

E passò la ritirata.
Mo’ la notte è menu scura
Andrew e John se ll’hau scampata ma la guerra ancora dura (2)

Coro: Andrew e John unu niru e l’atru no (2)

Quantu tempu ch’è passatu...
i' l’ho ‘ntesa racconta’
Ma m’hau ittu ieri latru Andrew e John vou retorna’(2)

So’ re'enuti ‘n po’ più 'rrassi,
‘n po’ menu americani
tutti he ddu’ coll’occhi ‘nfussi e li ricordi tra le mani.(2)

Coro: Andrew e John unu niru e l’atru no (4)
 

Torna all'indice

 

LE TUE PAROLE
(L'Ottavaru)
 di Marco Scarpellini


Partito come un sogno, lontano e via di qua
Con dietro fogli e parole, scrivendo verità
Volando ad alta quota fra i rumori ed il giorno la notte passerà
E arriverà vicino, il tuo sorriso che
Incendia ogni respiro, restando immobile
Un po’ come volare  ad occhi chiusi sopra il mare

Rit.: Accanto a te
Che mi confondi
Respiri nei miei giorni
E mi torni dentro ai sogni
Canterò, le tue parole
Che corron via lontane
In testa e dentro al cuore

Resto tra cielo e terra, quando parlo di te
Lontano e senza un come, fra miti e favole
Volando ad alta quota ai tuoi occhi il mondo tutto risalterà
E’ come un dolce suono la tua voce oramai
Un sol canto leggero, mi avvolge accanto a lei
Un po’ come volare  ad occhi chiusi sopra il mare

Rit.:accanto a te
Che mi confondi
Respiri nei miei giorni
E mi torni dentro ai sogni
Canterò, le tue parole
Che corron via lontane
In testa e dentro al cuore

E sei tu ...
come un pensiero
voli via nel tuo cielo
portando via con te
solo, le tue parole
che corron via lontane
in testa e dentro al cuore

 

Torna all'indice

 

FIJU ME
(L'Ottavaru)
 di Fabio D'Amico


Fiju me' senza peccatu
Fiju ancora senza nome
Soffìu d'alitu de fìatu
De puledri senza some

E quell'occhi blu velatu
Dritti guardenu li me'
Senza l'ombra dellu fatu
Senza lo vole' sape'

Rit: Fa' che venga prestu sera
Fa' che lu bene reve'
Fa' che quessa notte nera
Possa 'llumina' la te'
 (tutto 2 volte)

Fiju dall'amore natu
Che te vo'ti e non retrovi
Cìtolillu libberatu
N' mezzu a nu campu de rovi

E quell'occhi blu velatu
Dritti guardenu li me'
E risallenu lu fatu
E m'aiutenu a vede'

Rit: Fa' che venga prestu sera
Fa' che lu bene reve'
Fa' che quessa notte nera
Possa 'llumina' la te'
 (tutto 2 volte)
 

Torna all'indice

 

POCUSALE
(L'Ottavaru)
 di Fabio D'Amico


Siccu siccu allampanatu
Co’ la dote de n’pascià
Co’ lo sguardu un po’ stonatu
Ma n’sorrisu da qua a la
Zompettea sopra allu pratu
Co’ li grilli da caccia’
E sorridea lu Padreternu
A tutta 'ssa semplicità

Ma 'n sorrisu da su 'n cima
Eccu jo nun po’ arriva’
Addo’ lo vale’ se stima
Dallu quantu ce sa' fa
Coscì tutti senza rima
Je cantenu "Baccalà!"
E quell’occhi 'n festa prima
Comincerunu a cala’

Mai nisciunu l’ha capitu
Quell’allegru pazzia’
Pocusale je caccienu
Pe' potellu cojona’
Che piacere co’ lu ditu
Quannu issu va' a punta’
E lo fiele è gratuitu
Pe’ chi nun se po’ arriva’

Senn’è itu ddo' se sale
Ddo' de tuttu po’ fa a menu
Se n’è accortu de lu male
E l'ha 'ccisu lu velenu
Quannu passa 'n temporale
Pe’ fa bellu lu serenu
Ddo’ giochea Pocusale
Nasce mo’ l’arcobalenu
 

Torna all'indice

 

-

-

Torna all'indice

 

-

-

Torna all'indice


[ Homepage ]

(c) 2003-2006 Aringroup